Consorzi Tutela tra beneficiari promozione marchi collettivi e certificazione all’estero

Baldrighi: “E’ vittoria per comparto Dop e Igp”

Il Presidente Origin Italia: “Accolte nostre segnalazioni. Consorzi di Tutela avranno così la possibilità di usufruire di un ulteriore strumento finanziario per la promozione e la tutela all’estero delle Indicazioni Geografiche”

“Un’ottima notizia. Si tratta di una vittoria importante per l’intero comparto delle DOP e IGP perché consente ai Consorzi di Tutela di avere la possibilità di usufruire di un ulteriore, e quanto mai opportuno, strumento finanziario per la promozione e la tutela all’estero delle Indicazioni Geografiche, sempre più spesso al centro dei fenomeni legati alla frode agroalimentare”. Così Cesare Baldrighi, presidente Origin Italia, il principale organismo di rappresentanza del sistema agroalimentare DOP IGP, commenta l’inserimento dei Consorzi di Tutela tra i beneficiari del decreto del 31 maggio 2021 sulle modalità di concessione del contributo diretto a sostenere la promozione all’estero dei marchi collettivi e di certificazione. Il decreto del Ministero dello Sviluppo economico, pubblicato in Gazzetta Ufficiale, oltre all’ampliamento della platea dei soggetti beneficiari, prevede l’incremento della dotazione finanziaria da uno a 2,5 milioni di euro per anno e l’aumento dell’importo massimo dell’agevolazione da 70 mila a 150 mila euro per anno.

“Un provvedimento che dimostra quanto fossero giuste nel merito le segnalazioni di Origin Italia – conclude Baldrighi – riguardo all’inclusione legittima dei Consorzi di Tutela, così come previsto dalla Legge di Bilancio 2021. Un doveroso ringraziamento al Ministro dello Sviluppo Economico, l’On. Giorgetti, al Ministro delle politiche agricole, il Sen. Patuanelli, al Sottosegretario Gian Marco Centinaio, al Presidente della Commissione Agricoltura della Camera dei Deputati, l’On. Gallinella, e al Presidente della Commissione Agricoltura del Senato, il Sen. Vallardi, che le hanno accolte”.

Fonte: oriGIn Italia

SCARICA IL COMUNICATO STAMPA COMPLETO